Portogallo, vittoria di testa

Copertina Libro_00001
Pellè e Zaza: quando la paura fa novanta
5 luglio 2016
totti_esultanza_ciucciotto
L’identità del campione
23 agosto 2016
Mostra tutti

Portogallo, vittoria di testa

portogallo-europei-535x300-1468216963

L’infortunio di Cristiano Ronaldo ha deciso l’Europeo; non come la stragrande maggioranza delle persone ha immaginato quando ha visto il fuoriclasse del Real Madrid lasciare il campo in lacrime, e cioè con un facile trionfo dei “blues”, ma nel modo più inaspettato, con la vittoria del Portogallo.

E’ il potere della mente. Quando Cristiano Ronaldo è uscito azzoppato da un’entrata balorda di Poyet, la Francia è passata dai favori del pronostico all’obbligo di vincere. Gran brutta cosa essere obbligati a vincere: se ci riesci hai fatto soltanto il tuo dovere; se non ce la fai sei sottoposto al pubblico ludibrio. Ne sanno qualcosa quei tennisti che si trovano a giocare contro un avversario fiaccato dai crampi; tutto dovrebbe essere facile, invece no,  vogliono fare il punto dopo non più di due scambi e perdono lucidità e pazienza. In questi casi succede che nella loro mente l’idea del risultato prende il sopravvento sull’importanza del gesto tecnico, della prestazione. E’ quello che è accaduto ai giocatori francesi: invece di mantenere il focus sulla performance (la singola giocata, il “qui e ora”, la disciplina tattica, la pazienza di attendere il varco giusto), hanno spostato il focus sul risultato. Inizialmente si sono immaginati di alzare la coppa davanti a tutta Francia; poi, con il passare del tempo, è probabile abbiano iniziato a visualizzarsi cornuti e mazziati in mezzo al campo con i portoghesi attorno a fare festa.

Se i francesi sono stati disorientati e storditi dall’uscita di Cristiano Ronaldo (tra l’altro da quel momento Poyet, forse per il senso di colpa, è stato un fantasma e ha costretto la sua squadra, di fatto, a giocare in dieci), i portoghesi sono entrati in stato di grazia incarnando alla perfezione il motto “tutti per uno, uno per tutti”. Massima comunità d’intenti, grinta straordinaria, senso del gruppo e ogni palla giocata come fosse la più importante della vita. Non solo, non dimentichiamo che le squadre i cui risultati dipendono prevalentemente da un fuoriclasse (è il caso del Portogallo di Cristiano Rolando ma anche del Galles di Bale o della Svezia di Ibrahimovic) possono estrarre dal cilindro prestazioni strabilianti quando sono private del loro giocatore migliore. I compagni, infatti, in assenza del fenomeno, vogliono dimostrare di essere capaci di vincere anche senza di lui (rispetto al quale nutrono sentimenti ambivalenti, ammirazione ma anche invidia) e sono spinti a esprimere il centoventi per cento delle loro potenzialità. Con il fuoriclasse in campo, la tendenza è quella di delegare; senza di lui ciascuno è chiamato ad assumersi le proprie responsabilità. Pensate a Eder e al suo gol decisivo a pochi minuti dalla fine; se ci fosse stato in campo Ronaldo, molto probabilmente lo avrebbe cercato per appoggiargli il pallone il prima possibile. Invece Ronaldo non c’era ed Eder non ha esitato a scagliare la palla della gloria alle spalle di Lloris.

La vittoria del Portogallo è stata la vittoria della mente anche per altri motivi: Cristiano Ronaldo è l’esempio assoluto di come non basti il talento per arrivare a grandi traguardi ma siano necessari una disciplina feroce, la mentalità vincente e il quotidiano desiderio di migliorarsi. E cosa dire del portiere Rui Patricio? Ha sfornato un Europeo straordinario anche grazie al Kriya Yoga, una tecnica di meditazione fatta di esercizi per rafforzare l’equilibrio e respirazioni per trovare la tranquillità interiore. E per finire due parole sul match winner, Eder, che ha saputo entrare in campo con il piglio giusto spaccando la partita. Sapete qual è stata la prima persona che ha ringraziato dopo aver sollevato al cielo la coppa? Susanna, la sua mental coach, che lo ha aiutato a tenere duro nei momenti difficili e lo ha invitato a inseguire il suo sogno anche quando tutto sembrava perduto.

Marco Cassardo
Marco Cassardo
è scrittore e mental coach dei calciatori. Si è formato in Coaching e Programmazione Neurolinguistca (PNL) conseguendo i titoli di Coach Certificato ICF (International Coach Federation) e Master Practitioner in PNL. Ha scritto il saggio sportivo "Belli e dannati" (Limina, 1998, 2003) e tre romanzi: "Va a finire che nevica" (Cairo 2007), "Mi manca il rosso" (Cairo 2009),"Un uomo allegro" (Miraviglia Editore, 2014). Nel marzo 2016 è uscito il suo libro dedicato all'allenamento mentale dei calciatori: "Campioni si diventa" (Cairo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *