Le favole del calcio

Soccer players running after the ball
L’importanza di copiare
10 dicembre 2015
Copertina Libro_00001
Torino, un prato di Mirafiori Sud
5 aprile 2016
Mostra tutti

Le favole del calcio

Close up of feet on top of soccer ball

Amo le storie dei ragazzi che vengono su dal nulla e, contro tutto e tutti, riescono a sfondare nel grande calcio dopo anni di anonimato.

Nei mesi scorsi vi ho raccontato di Kevin Lasagna e Nicola Citro. Oggi voglio parlarvi di Riccardo Bocalon, simbolo dell’Alessandria capace di approdare alla semifinale di Coppa Italia.

Bocalon ha 26 anni, è cresciuto nel settore giovanile dell’Inter e ha poi girato 8 club di terza serie. Quest’anno ha già firmato 13 gol e guida l’assalto dei grigi alla Serie B. L’apoteosi martedì scorso con la doppietta che ha steso lo Spezia e ha permesso all’Alessandria di entrare nella storia. I grigi, ora, contenderanno al Milan l’accesso alla finalissima di Coppa Italia. Roba da fantascienza. Ciò che più mi ha colpito è quanto ha dichiarato Bocalon ai giornalisti che gli hanno chiesto se non avesse rimpianti per non avere avuto una chanche con la maglia nerazzurra: “Neanche un po’ – ha risposto Bocalon -. Credo che ognuno sia artefice della propria carriera e io non sono un tipo che pensa a cosa poteva essere e non è stato. Quando ero nella Primavera dell’Inter, la prima squadra dominava in A. Scudetti in serie e Triplete. Io non ho mai fatto neppure un ritiro con i big, quindi non penso al passato ma al percorso che potrò ancora fare”.
Capito il modo in cui pensano i giocatori forti mentalmente? Nessun rimpianto e occhi sempre proiettati sul futuro. Hai sbagliato un gol? Pensa a come buttarla dentro la domenica dopo, quando ti ritroverai nella stessa situazione. Due anni fa hai vissuto una stagione tribolata? Avresti potuto esordire in Serie A e non ci sei riuscito perché sul più bello ti sei infortunato? Inutile piangere: chiediti come fare per tornare in rampa di lancio. Nessun alibi, nessun vittimismo, non piagnucolare e non maledire il destino. Come dice Bocalon, ognuno è artefice della propria carriera. Dunque focus sulla partita dopo, a 20 anni come a 30. Solo così può succedere di tutto; solo così, dopo una vita di fango e calcio di provincia, può accadere di ritrovarsi a San Siro con tutta l’Italia che guarda e fa il tifo per te.

Marco Cassardo
Marco Cassardo
è scrittore e mental coach dei calciatori. Si è formato in Coaching e Programmazione Neurolinguistca (PNL) conseguendo i titoli di Coach Certificato ICF (International Coach Federation) e Master Practitioner in PNL. Ha scritto il saggio sportivo "Belli e dannati" (Limina, 1998, 2003) e tre romanzi: "Va a finire che nevica" (Cairo 2007), "Mi manca il rosso" (Cairo 2009),"Un uomo allegro" (Miraviglia Editore, 2014). Nel marzo 2016 è uscito il suo libro dedicato all'allenamento mentale dei calciatori: "Campioni si diventa" (Cairo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *