A ciascuno il suo

Soccer stadium and soccer players happy scoring a goal
Tipi di calciatore
31 ottobre 2018
TESI
Miglioramento continuo
20 novembre 2018
Mostra tutti

A ciascuno il suo

mazzarri

Gli allenatori vogliono fare gli psicologi, peccato che nessuno possa inventarsi una professionalità e una competenza dall’oggi al domani. E’ come se io o un mio collega entrassimo in un’azienda e dessimo direttive al responsabile amministrativo per fare quadrare i conti. “A ciascuno il suo”, diceva Sciascia. E mai parole furono più adeguate. Le ultime perle arrivano da Spalletti e da Mazzarri. Il primo ha dichiarato che il problema dell’Inter sta nella concentrazione (ma di cosa si tratta? Di cosa parliamo quando parliamo di concentrazione? Come si allena la concentrazione?); il secondo ha dichiarato di aver scoperto cosa fare per migliorare il rendimento del suo Torino. Il mister toscano dice che per maturare bisogna instillare nei giocatori il terrore di perdere. Questa sua dichiarazione si scontra contro un secolo di studi di psicologia e di comunicazione. No, non è questione di instillare il terrore di perdere; è questione di instillare una voglia feroce di vincere. La nostra mente procede per immagini e non riconosce la negazione. Alcuni esempi: se diciamo a qualcuno di non pensare al castello rosso, qual è la prima cosa che fa? Pensa al castello rosso. Se invitiamo un portiere a non prendere gol, cosa succede nella sua mente? Immagina automaticamente la palla che supera la linea di porta. Cosa succede se invece lo incitiamo a parare tutto? Si immaginerà di volare da un palo all’altro respingendo anche le mosche. Perdonate la banalità dei miei esempi; li utilizzo soltanto per dimostrare come la comunicazione vada utilizzata in positivo e per orientare all’azione “utile”. La comunicazione efficace non è quella che invita ad “andare via da”, a “evitare” (la sconfitta), ma quella che motiva ad “andare verso” (la vittoria). Lo stimolo, cioè, dev’essere positivo e capace di attivare immagini vincenti.

Marco Cassardo
Marco Cassardo
è scrittore e mental coach dei calciatori. Si è formato in Coaching e Programmazione Neurolinguistca (PNL) conseguendo i titoli di Coach Certificato ICF (International Coach Federation) e Master Practitioner in PNL. Ha scritto il saggio sportivo "Belli e dannati" (Limina, 1998, 2003) e tre romanzi: "Va a finire che nevica" (Cairo 2007), "Mi manca il rosso" (Cairo 2009),"Un uomo allegro" (Miraviglia Editore, 2014). Nel marzo 2016 è uscito il suo libro dedicato all'allenamento mentale dei calciatori: "Campioni si diventa" (Cairo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *